Il termine balbuzie da Trauma indica una piccola minoranza delle forme di balbuzie. E, al contrario di quello che si pensa, non è collegata a un rimprovero severo o alla separazione dei genitori. E nemmeno ad altri episodi familiari che vanno sotto la comune definizione di “traumi infantili”. Perché il Trauma ha un significato e una portata ben precise. Scopriamo quale e quando può essere considerato la causa della balbuzie.

Balbuzie da Trauma: dove ha origine il dubbio?

In passato, l’ipotesi dominante era quella che la maggior parte delle forme di balbuzie derivasse da esperienze vissute nell’ambiente familiare e considerate erroneamente traumatiche.

Questa ipotesi si è radicata nel pensiero comune, tanto che ancora oggi la comparsa della balbuzie in un bambino scatena in un genitore una preoccupazione e un’incertezza tali, da convincerlo di esserne la causa. Come conseguenza, inizia una ricerca (nella memoria) di fatti o comportamenti che possano spiegare la presunta balbuzie da trauma.

Tra questi, ad esempio, un’educazione particolarmente severa, aspettative troppo elevate nei confronti del figlio, oppure contrasti, separazioni. O ancora, la nascita di un fratellino.

Balbuzie e Trauma: qual è l’errore?

Tutti questi episodi sono spesso iperbolicamente ed erroneamente definiti traumi infantili e considerati l’origine della balbuzie.

Erroneamente, appunto: per due motivi.

Il primo è che non è mai stata trovata una correlazione tra comportamenti e scelte dei genitori e insorgenza della balbuzie.

Il secondo è che, in realtà, nessuno degli episodi citati risponde alla definizione di Trauma psicologico.

Cos’è il Trauma per un bambino?

Il Trauma psicologico, per definizione, segna una rottura nello scorrere degli eventi, ed è prodotto da situazioni percepite come di rischio concreto per l’integrità fisica, o psichica, propria o altrui.

Nella vita di un bambino i veri e propri eventi Traumatici, con le caratteristiche del Trauma con la T maiuscola, sono eventi molto gravi. Ad esempio: abusi, maltrattamenti, violenza assistita (situazioni in cui il bambino assiste ad episodi di violenza), gravi incidenti, malattie.

Il Trauma rappresenta un evento destabilizzante e dirompente per l’intensità, che produce effetti di frammentazione importanti sul piano emotivo e cognitivo.

Balbuzie da Trauma: ecco quando insorge

La portata del Trauma è tale che, in determinate circostanze estremamente gravi, i suoi effetti possono incidere sulle capacità verbali dell’individuo, bambino o adulto.

La conseguenza può essere il mutismo reattivo allo stato di shock, o la cosiddetta balbuzie psicogena.

La balbuzie psicogena è una forma di balbuzie che si verifica in individui che presentano psicopatologie specifiche, o che hanno subito gravi Traumi.

È bene però ricordarsi che soltanto una piccola minoranza delle forme di balbuzie ha origine psicogena.

La balbuzie psicogena è infatti causata da esperienze Traumatiche estremamente gravi, che nulla hanno a che vedere con i comportamenti dei genitori o i naturali cambiamenti cui si è soggetti nel corso della vita.

Il ruolo del cambiamento nella balbuzie in età evolutiva

L’errata convinzione che siano vissuti familiari a causare la balbuzie è rafforzata dal fatto che essa insorge e causa le prime vere difficoltà nelle fasi della vita caratterizzate da cambiamenti importanti.

Tra queste, principalmente l’infanzia, l’inizio della scuola e l’adolescenza.

Bisogna però considerare che questi sono momenti in cui bambini e ragazzi rispondono a compiti evolutivi fisici, cognitivi e relazionali completamente nuovi.

  • La prima infanzia è la fase della dipendenza assoluta dalle figure di accudimento e dall’ambiente circostante. Il linguaggio viene acquisito progressivamente, e diventa strumento di relazione con il mondo.
  • Con l’inizio della scuola il bambino esce dal nucleo familiare, e deve imparare a confrontarsi e relazionarsi con gli altri. L’apprendimento apre nuove sfide dal punto di vista cognitivo, rafforzando le dimensioni normative dell’impegno e del dovere.
  • La pubertà segna l’avvio di cambiamenti fisici, ma anche un salto in avanti nel processo di costruzione delle propria identità individuale.

Le fasi evolutive delineate sono fasi di transizione impegnative e difficoltose, in cui il rapporto relazionale con la famiglia e con l’ambiente circostante contano molto.

Tuttavia, né questi cambiamenti, né le dinamiche relazionali familiari possono essere considerate di per sé situazioni in grado di causare una balbuzie da Trauma (né una qualsiasi altra forma di balbuzie).

Come l’ambiente familiare influenza la balbuzie?

La maggior parte delle forme di balbuzie non ha origini psicogene.

Questo però non significa negare che determinate situazioni emotive o relazionali possono influenzare la balbuzie, pur non essendone la causa.

Ad esempio, alcuni stili educativi o relazionali, invece che aiutare il bambino a superare  la sua fatica, potrebbero amplificarla.

Le esperienze che il bambino vive nell’ambiente familiare sono occasioni importanti di apprendimento e di messa alla prova, a 360°, anche per quanto riguarda il superamento delle sue fatiche.

 

Fonti

M.T. Ingenito, A. Ragno, La balbuzie nell’età adolescenziale. Clinica e riabilitazione. Milano, Franco Angeli Editore, 2003.

Van Borsel, J. (2014). Acquired stuttering: A note on terminology. Journal of Neurolinguistics27(1), pp. 41-49.

 

Erica Ceciliani

Erica Ceciliani

Psicologa specializzata in Psicoterapia Transculturale

Laureata in Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia, presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, si occupa di progetti di prevenzione all'interno della scuola primaria di primo e secondo grado, con focus sulle tematiche di abuso, parità di genere, bullismo e uso di internet. Collabora con alcune ONG in Italia e all'estero, per la progettazione e la realizzazione di attività di supporto psico-sociale rivolte a donne e minori provenienti da situazioni di vulnerabilità.

Questo sito utilizza cookie tecnici sul dispositivo, analytics e di terze parti. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.. Cookie Policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / il contenuto contrassegnati come “%SERVICE_NAME%”
utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.