Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / il contenuto contrassegnati come “Facebook Pixel [noscript]”
utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.


Le tappe del linguaggio seguono un percorso molto variabile da bambino a bambino. Ciascuno ha i propri tempi e le proprie capacità. Ecco le tappe che gli esperti considerano importanti da raggiungere. Indicano uno sviluppo armonico delle competenze linguistiche e comunicative.

Lo sviluppo del linguaggio

Lo sviluppo del linguaggio non riguarda semplicemente ciò che il bambino sa dire.

In questo grande tema rientrano una serie di abilità:

  • ascolto;
  • riconoscimento di suoni diversi;
  • competenze motorie;
  • competenze cognitive;
  • sviluppo affettivo.

 

Le tappe del linguaggio come il viaggio di un piccolo astronauta nello spazio

 

Le tappe del linguaggio descritte rappresentano una indicazione generale su quello che è lo sviluppo tipico.

È una sorta di modello che può servire ai genitori e agli educatori. In questo modo possono controllare la maturazione linguistica del proprio figlio, senza troppe preoccupazioni se ci fosse qualche differenza.

Quando allarmarsi?

Il linguaggio è una funzione cognitiva innata. Se il bambino vive in un contesto stimolante (che gli suggerisce soprattutto di ascoltare) non c’è da preoccuparsi.

È bene dare attenzione solo a due campanelli d’allarme:

  1. Quando a 2 anni il bambino conosce poche parole (lessico povero), cioè meno di 50.
  2. Quando a 30 mesi il bambino non è capace di combinare insieme due parole.

Sono due segnali che possono suggerire un ritardo nel linguaggio. Non c’è da preoccuparsi. Alcuni bambini, senza particolari deficit uditivi, cognitivi o relazionali, seguono le tappe del linguaggio un po’ più in ritardo rispetto alla media. Spesso il problema rientra spontaneamente dopo i 3 anni.

Successivamente, se il ritardo permane, potrebbe trattarsi di un Disturbo Specifico del Linguaggio.

In questo caso, solo uno specialista può fare valutazioni più approfondite. Il pediatra normalmente aiuta i genitori a trovare un riferimento del neuropsichiatra infantile per diagnosticare e curare il disturbo.

 

Bibliografia

Bortolini U. Test PFLI. Prove per la valutazione fonologica del linguaggio infantile. Edizioni del Cerro  (2004).

Caselli M.C. et al. Il primo vocabolario del bambino: gesti, parole e frasi. Valori di riferimento fra 8 e 36 mesi delle Forme complete e delle Forme brevi del questionario MacArthur-Bates CDI. Milano, FrancoAngeli (2015).

www.fli-lazio.it

Redazione Vivavoce

Redazione Vivavoce

La Redazione Vivavoce è un team di professionisti nel campo della fisioterapia, della psicologia e della neuropsicologia, che mettono scienza ed esperienza alla portata di tutti. Fare il punto sulla voce a 360 gradi, informando, educando e sensibilizzando: questo è il cuore di VivavoceFocus.

Questo sito utilizza cookie tecnici sul dispositivo, analytics e di terze parti. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.. Cookie Policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / il contenuto contrassegnati come “%SERVICE_NAME%”
utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.