Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / il contenuto contrassegnati come “Facebook Pixel [noscript]”
utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.


L’esame di Maturità 2020 sarà soltanto un colloquio orale. Per certe ragioni può sembrare una prova “facilitata”, ma in realtà l’esame solo orale presuppone dinamiche diverse e richiede sia da parte degli studenti sia da parte degli insegnanti un impegno diverso. 

Il prof. Pietro Viscardi riflette sulle implicazioni di questo “dialogo”, rifacendosi anche alla figura di Ulisse e alla sua sete di conoscenza.

Colloquio è cercare insieme

«Le prove d’esame […] sono sostituite da un colloquio». Questo il succo dell’articolo 16 comma 1 dell’ordinanza del ministero dell’Istruzione circa gli esami di Stato nel secondo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2019/2020, l’anno del Covid.

Alla notizia alunni e professori, per ragioni diverse, forse si sfregano le mani.

Poi però l’articolo 16 va avanti e dice anche: ci sarà un colloquio nel quale il candidato dovrà dimostrare «di aver acquisito i contenuti e i metodi propri delle singole discipline, di essere capace di utilizzare le conoscenze acquisite e di metterle in relazione tra loro per argomentare in maniera critica e personale». E qui le mani che passano una sull’altra rallentano, si fermano e iniziano a contare: contenuto, metodo, relazione, argomentazione, senso critico, personalizzazione. Come fare?

Ancor prima dell’elenco di questi indicatori c’è un termine, non meno importante, che passa inosservato: colloquio. Riflettendo sull’etimologia (dal latino cum-loqui) ci si accorge che la parola non descrive l’esperienza di un singolo ma esige una pluralità. La responsabilità dell’andamento di un colloquio pertanto non è di un unico individuo, bensì di ogni soggetto partecipante al dialogo (dal greco dia-logos).

Maturità 2020 e colloquio orale: il compito dell’insegnante

Sulle responsabilità (e che responsabilità!) degli alunni l’ordinanza parla chiaro. Mi chiedo allora quali siano quelle di noi docenti. La risposta è semplice: fare domande.

Questo è il compito del docente. È vero, è semplice, ma come tutte le cose vere non è facile. Lo abbiamo visto in questo tempo di didattica a distanza (DAD) dove gli insegnanti, non volendo perdere il rapporto con gli alunni, hanno dovuto smettere di fare richieste e incominciare a fare domande.

La richiesta infatti presuppone una prestazione tutta dell’alunno, dalla quale il docente se ne sta fuori a braccia conserte. La domanda invece chiama in causa entrambi i soggetti: più la domanda è buona più è probabile che lo sia anche la risposta, assumendo magari caratteri così imprevisti da diventare occasione di apprendimento anche per il docente stesso.

In questo periodo ogni maestro con fatica e coraggio ha rovistato nella propria materia per trovarne il cuore da trasmettere. Il lavoro di sintesi non è stato facile. Le conoscenze e le abilità richieste all’esame di maturità sono frutto di questa sintesi, per questo sono parti fondanti dell’esame, ma non sono le uniche.

Il sapere infatti è impastato con il vissuto. Di più: il sapere è il vissuto, un vissuto giudicato. Lo grida il dramma dell’Italia e del mondo che pensavano di sapere tutto della vita e non sapevano nulla. Come diceva Albert Einstein: «L’unica strada per la conoscenza è l’esperienza». Vorremo dimenticarcene quando saremo di nuovo, alunni e docenti, gli uni di fronte agli altri? Quali domande faremo perché il vissuto di ognuno possa emergere?

Leggi anche Esame di stato: la maturità ai tempi del coronavirus

Come si presenteranno i ragazzi davanti ai prof?

Nel terzo libro dell’Iliade si ricorda di quando Ulisse venne in ambasciata a Troia per chiedere la restituzione di Elena. Antenore, presente alla scena, descrive il re di Itaca con lo sguardo chino «in zotica sembianza»: in parole povere, all’apparenza, un poco di buono. Eppure quando l’eroe greco comincia a parlare tutti si meravigliano per le sue «alte parole» e abbandonano l’impressione negativa che avevano avuto di lui.

Pensando alla “zotica sembianza” sorrido immaginandomi i ragazzi, intorpiditi da mesi di reclusione, che si presentano davanti ai prof. Forse riattiveranno il monitor, forse si siederanno ben distanti dai loro docenti e, a domanda, proveranno a rispondere.

Quel nobile consesso che è la commissione d’esame sarà in grado, come avvenne a Troia, di accantonare il suo fondatissimo pregiudizio per far spazio all’imprevisto? Tanto dipenderà dal candidato, ma altrettanto dipenderà dall’assemblea e dalle sue domande.

Narrami l’uomo d’ingegno molteplice, o Musa, che tanto
errò, poi che distrusse la rocca di Troia divina,
vide molte città, di molti uomini l’indole seppe,
e assai patí pel mare, cercando com’egli e i compagni
salva potesser la vita serbare, e tornare alla patria

(Odissea di Omero, traduzione Ettore Romagnoli)

Se Ulisse è l’emblema dell’uomo che conosce, che parla in modo convincente perché sa quel che dice, chi deve affrontare una maturità tutta orale non può non sentirsi chiamato a imitarne l’esempio. Ognuno di noi è un Ulisse che vuole conoscere il mondo per conoscere di più se stesso: «Tutto ch’io guardai nel mondo, mi riguardò; mi domandò: Chi sono?», come scriveva Pascoli.

Certo, forse i nostri alunni non avranno visto molte città (soprattutto in questo periodo), non conosceranno bene l’indole umana e a mala pena conosceranno la loro, ma ognuno, in un modo o nell’altro, proverà a dare il nome alle cose. E comunque ognuno, come tutti noi in questi mesi, avrà già patito molto per mare cercando «com’egli e i compagni salva potesser la vita serbare».

 

Riferimenti:

L’Iliade di Omero, Milano, Milano, BUR – traduzione di Vincenzo Monti

L’Odissea di Omero, Castel Bolognese, Itaca Edizioni – traduzione di Ettore Romagnoli

Pascoli Giovanni, Poemi conviviali, Milano, BUR Rizzoli

Foto di Gustavo Fring da Pexels

Pietro Viscardi

Pietro Viscardi

Docente e Scrittore

Laureato in Lettere Moderne, ha insegnato per dieci anni nella scuola secondaria di primo grado. Attualmente è docente in un istituto professionale statale. Ha pubblicato per BolisEdizioni il romanzo “Allegro andante” e collaborato con Edizioni Itaca alla revisione e riedizione del manuale di grammatica italiana “Nel suon il senso”.

Questo sito utilizza cookie tecnici sul dispositivo, analytics e di terze parti. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.. Cookie Policy

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / il contenuto contrassegnati come “%SERVICE_NAME%”
utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitato. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.