Secondo la ricerca, la balbuzie in Italia non ha vita facile. Un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori europei e pubblicato sul Journal of Communication Disorders ha svelato che gli atteggiamenti degli italiani nei confronti di chi balbetta sono tra i peggiori in Europa. E nel mondo.

Atteggiamenti verso la balbuzie: come si misurano

Scopo dello studio era quello di evidenziare differenze o similitudini negli atteggiamenti verso chi balbetta tra i Paesi europei.

L’indagine ha coinvolto per questo 1.111 adulti in Italia, Norvegia, Germania, Islanda, Inghilterra e Bosnia Erzegovina.

Per stabilire se l’atteggiamento verso la balbuzie sia positivo o negativo, viene somministrato un questionario chiamato POSHA–S (Public Opinion Survey of Human Attributes-Stuttering). Questo questionario è riconosciuto e utilizzato da tutta la comunità scientifica internazionale.

Attraverso una serie di domande specifiche, il POSHA-S permette di valutare due dimensioni.

  1. La conoscenza del fenomeno balbuzie, tra cui le sue cause, i tratti di personalità che si pensano essere caratteristici di chi balbetta, cosa si pensa i balbuzienti possano fare nella vita (ad esempio: Le persone che balbetto possono condurre una vita “normale”)
  2. Le reazioni o i comportamenti messi in atto (o che si pensa di mettere atto) nei confronti di chi balbetta (ad esempio: “Dire loro di rallentare e rilassarsi”).

Balbuzie in Italia: i risultati della ricerca

I risultati rivelano che l’atteggiamento degli Italiani nei confronti di chi balbetta è tra i più negativi in Europa e al di sotto della media mondiale.

La conoscenza della balbuzie in Italia risulta ancora incompleta, a tratti scorretta, e ancorata a luoghi comuni e falsi miti, che rafforzano a loro volta i pregiudizi.

Ad esempio, gli Italiani non hanno ancora abbandonato l’idea che la balbuzie sia causata da un evento spaventoso o traumatico. Ancora, chi balbetta in Italia viene spesso percepito impossibilitato a condurre una vita normale, o svolgere una qualsiasi professione lavorativa.

Come conseguenza, anche i comportamenti nei confronti di chi balbetta si rivelano piuttosto stereotipati.

Un esempio? Nell’interazione con chi balbetta, gli Italiani utilizzano molto più frequentemente le frasi Stai calmo, Respira, Rilassati, rispetto agli altri europei.

Frasi che, al contrario di ciò che comunemente si pensa, aumentano la pressione comunicativa e quindi la probabilità di balbettare.

 

Fonte

St. Louis K.O et al. (2016), Public attitudes toward stuttering in Europe: within-country and between-country comparisons. Journal of Communication Disorders, 62, pp. 115-130.

 

Redazione Vivavoce

Redazione Vivavoce

La Redazione Vivavoce è un team di professionisti nel campo della fisioterapia, della psicologia e della neuropsicologia, che mettono scienza ed esperienza alla portata di tutti. Fare il punto sulla voce a 360 gradi, informando, educando e sensibilizzando: questo è il cuore di VivavoceFocus.

Questo sito utilizza cookie tecnici sul dispositivo, analytics e di terze parti. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.. Cookie Policy